Creare un tema per Icinga Web 2

Posted by on giu 28, 2017 in NetEye | 0 comments

Theming 1200x628

Icinga Web 2 é un potente framework PHP per applicazioni web, caratterizzato da un design minimale. É veloce, responsive, user-friendly e facilmente estensibile attraverso l’installazione di moduli. Puó essere facilmente installato seguendo la veloce procedura di configurazione che si trova sul repository ufficiale (vedi riferimento alla fine del blog).

In aggiunta alle configurazioni di sitema, ogni utente puó settare delle personalizzazioni come la lingua, la time-zone ed il tema preferito. Lo scopo di questo articolo é quello di illustrare come creare un nuovo tema completamente custom, che permetta di personalizzare l’interfaccia di Icinga e renderla esattamente come desideriamo.

Read More

Nutanix Monitoring con NetEye

Posted by on giu 26, 2017 in Nagios Plugins, NetEye | 0 comments

Nutanix Monitoring with NetEye

Grazie al mio lavoro di consulente mi capita spesso di monitorare il Sistema Nutanix sui siti dei clienti. Nutanix è uno integrated systems vendor che produce un sistema di storage hyper-converged chiamato “Virtual Computing Platform”.

Monitorare questo sistema è piuttosto semplice e l’uso di NetEye permette di ottenere e visualizzare i migliori risultati.

Si può monitorare il sistema Nutanix usando il protocollo SNMP:

Read More

Next Level Performance Monitoring – Part I

Posted by on giu 20, 2017 in NetEye, Network Traffic Monitoring, Real User Experience Monitoring | 0 comments

Oggigiorno il traffico di rete sta diventando sempre più eterogeneo. In tanti casi non è sufficiente monitorare un sistema con gli stessi metodi utilizzati in passato. Presenterò di seguito quelli che, secondo Würth Phoenix, sono i punti chiave per un monitoraggio all’avanguardia e un’analisi proattiva delle applicazioni critiche per il vostro business.

Combinazione User Experience a Metriche delle Performance per nuove conclusioni

Ritengo importante trattare per primo il tema della combinazione della User Experience e delle metriche in quanto considero la User Experience un fattore determinante nell’utilizzo di un sistema. Infatti se un utente lamenta cattive prestazioni del sistema, si ritiene necessario migliorarle anche nel caso in cui le metriche riportino buoni valori.
Si considera di importanza vitale sapere quando gli applicativi rallentano, se possibile prima che gli utenti lamentino un disservizio. Si può raggiungere questo obiettivo grazie all’aiuto di Alyvix, la nostra soluzione di user experience monitoring attivo, che permette di effettuare frequenti check. Con Alyvix è possibile scrivere dei test-case su misura, che controllano le parti più importanti, le funzionalità e le performance (in termini di durata) degli applicativi.
Il risultato dell’analisi delle performance di ogni singolo test viene salvato su un database centralizzato, lo stesso nel quale vengono memorizzate anche tutte le altre (per esempio dati perfmon, esxtop, e altri). Grazie al multiserver zoom è possibile visualizzare e analizzare nel dettaglio i dati registrati negli intervalli temporali in cui Alyvix ha registrato dei problemi.

Screenshot from 2017-05-29 10:42:58

Read More

Come estendere o modificare le NetEye API

Posted by on giu 12, 2017 in Development, NetEye | 0 comments

NetEye API

Introduzione

Le NetEye API offrono un metodo semplice per automatizzare e scriptare i processi più comuni su NetEye. Le NetEye API offrono oltre 150 oggetti scritti in Perl che possono essere facilmente utilizzati e estesi a proprio piacimento. Le azioni più comuni che possiamo compiere con le NetEye API sono: aggiungere/modificare/rimuovere un host, servizio o businessprocess da Nagios e anche calcolare l’availability di essi in qualsiasi range di tempo.
Le NetEye API sono Open Source e il codice Perl viene installato in /var/lib/neteye/API se pero’ modifichiamo questo codice Perl al primo aggiornamento delle API le nostre modifiche verranno sovrascritte. Ecco che quindi in questa guida andremo a spiegare come apportare delle modifiche permanenti alle NetEye API.

Read More

Come inviare log a NetEye da un server in cloud

Posted by on giu 6, 2017 in Garante della Privacy, NetEye, Syslog | 0 comments

LogManagement_03

Mantenere una copia offline dei log non solo offre una maggiore visibilità da una prospettiva di gestione dei sistemi, ma può rivelarsi anche prezioso dopo un incidente di sicurezza nel caso in cui le copie locali dei file di log siano state danneggiate.

Come saprete, il modulo LogManager di NetEye offre una soluzione completa per la gestione dei log in linea con le richieste del Garante della Privacy e ne permette la gestione centralizzata (vedi anche i nostri articoli “Archiviazione dei log e poi?“ e “NetEye Log Management sul blog ufficiale di Elastic”).

NetEyeSyslog

Architettura del modulo LogManager:

  • sistema di log auditing e data collection basato su rsyslog;
  • agent (Safed) per l’invio dei log tramite protocollo syslog (RFC 3164 – di default configurato per l’invio via TCP su porta 514 a garanzia della corretta ricezione dei log inviati);

Il requisito principale da rispettare in questa architettura è garantire la comunicazione tra gli agenti Safed e NetEye sulla porta 514 TCP.

Durante una recente consulenza presso un nostro cliente ci è stata richiesta la possibilità di raccogliere i log da alcuni sistemi remoti in cloud su cui era disponibile solo un accesso remoto via SSH.
In questo articolo, vedremo come è possibile risolvere questo problema con una soluzione basata su reverse tunnel SSH e Safed su macchine Linux/Unix.

Read More

IoT: il futuro, oggi.

Posted by on mag 30, 2017 in NetEye | 0 comments

IoT 2017La famiglia Rossi sta percorrendo l’autostrada per raggiungere la desiderata meta estiva quando un rallentamento improvviso, causato dalla perdita di calcinacci da un rimorchio, rischia di causare un gravissimo incidente.

La macchina della signora Bianchi, che si trova subito dietro il rimorchio, frena bruscamente. Allo stesso momento la sua auto invia un messaggio a tutti gli altri autoveicoli che si trovano dietro di lei. Queste, ricevuto il messaggio, precaricano i freni, scalano la marcia e comunicano a loro volta dettagliate informazioni telemetriche alle macchine vicine che, di conseguenza, reagiscono in modo appropriato.

L’incidente viene così evitato e tutte le automobili riprendono la loro marcia senza problemi. Il rimorchio comunica l’inconveniente inviando un messaggio alla centrale dell’autostrada che interviene immediatamente per pulire la strada.

Questa situazione, che ai più può sembrare fantascientifica, oggi ha un nome ed è: IoT (internet of things).

Read More